La posa dell'erba sintetica

Promozioni erba sintetica su www.pratosintetico.eu
Erba sintetica la posa fai-da-te: la giunzione dei teli

Fatte salve le applicazioni con i chiodi che a fronte un un fissaggio a dir poco dilettantistico si presume siano intuitive senza ulteriori spiegazioni, questa pagina si prefigge indicare la vera posa e non l'estrema semplificazione data da altre metodologie.

Per chi scrive l'applicare chiodi sulla superficie riporta più ad un fissare/fermare l'erba sintetica e non ad una vera posa professionale, tra l'altro forse meno intuitiva e sbrigativa ma altrettanto semplice ma di soddisfazione negli anni di godimento del tappeto erboso sintetico!

Un piccolo esempio su come applicare in autonomia il proprio prato sintetico nel giardino, terrazzo o bordo piscina.
Il video mostra come effettuare la giunzione dei teli, così da creare un unico pezzo di tutta la superficie, da rifinire poi relativamente alla tipologia di prodotto acquistato.
Video posa erba sintetica: unire i teli
Raramente si avranno aree in cui sarà sufficiente l'altezza dei rotoli.
Unire i teli nell'erba sintetica è semplice.

Durata minuti:3:03



Nozioni fondamentali sulla posa dell'erba sintetica

1) I teli del'erba sintetica devono essere sempre posizionati nella stessa direzione, pena l'apparire teli di colori diversi.


2) Il lati che andranno giuntati devono sempre essere rifilati dal retro tagliando solo la base così da preservare al massimo i filati del prato artificiale.
In questo modo avrete la certezza di potere ottenere giunte invisibili.

3) I clienti Moplac sono supportati da altre indicazione e delucidazioni a riprova della professionalità acquisita sin dal 1971 come posatori professionali.

Rifilare i bordi sinistra
 
Esempio di giunte effeuuate per unire l'erba sintetica.

Questa semplice realizzazione mostra come ottenere un tappeto in prato sintetico da m3x3 giuntatondolo. Nello sfruttare l'atezza dei 2,00 m si ricava un unico pezzo mantenendone l'oientamento così da evitare diverse risposte alla luce e quindi la senzazione di evere utilizzato più tonalità di prato sintetico per realizzare la stessa area.

Le frecce vogliono segnalare l'orientamento dei teli che come da figura in basso è stata realizzata da un totale di 2m x 4,5m, quindi esattamente i 9 mq necessari per realizzare il m3x3.

Un lavoretto semplice se si conoscono queste elementari regole che faranno la differenza, facendovi realizzare lavori soddisfacenti sin dalla prima esperienza.

Di fatto applicare l'erba sintetica è solo questo!
Naturalmente in giardino adrà anche preparato il fondo, cosa che in base alle dimensioni dell'area e la condizione in cui versa potrebbe dimostrarsi la più ostica, ma del resto si fa una volta nella vita!

Esempio di giunzioni fronte retro e direzioni nell'erba sintetica.

La preparazione del fondo prima della posa dell'erba sintetica

Prato sintetico su terreno, giardini aiuole, ecc.

 

I fondi in terra devono essere diserbati, livellati e compattati.

I manti sintetici della linea Professionale hanno caratteristiche drenanti che, grazie ai fori praticati al sottofondo, ne consentono l'attraversamento di liquidi (drenaggio) per 60 litri al minuto per metro quadrato, quindi ben oltre la necessità per utilizzi bordo piscina e ancor di più da giardino.

Per sfruttare a pieno questa caratteristica è opportuno creare una base DRENANTE, cosi da consentire un consistente defluire dei liquidi anche verticalmente.

Alternativamente, fatto salvo un quantitativo minimo che riuscirà ad attraversare i fori, la stragrande quantità di acqua defluirà dalla superficie, seguendo le pendenze del piano su cui è applicata l'erba sintetica.

Creare un fondo drenante in giardino:

Creare un fondo con un efficiente drenaggio e cosa estremamente semplice, per quanto ovviamente, relativamente alle dimensioni dell'area, è in questa fase in cui potrete avvalervi di un preparatore.
Le tecniche sono diverse e tutto sommato, quasi sempre soddisfacenti...

Sostanzialmente ci sono due scuole di pensiero... fondi in sabbia o ghiaia!

Per quanto riguarda chi scrive è la ghiaia la più performante, non si deforma o comunque necessita di carichi ed energie maggiori perchè questo avvenga, si stabilizza anche in quantitativi minimi, non trattiene o assorbe liquidi, può essere applicata anche in superfici con pendenze importanti (dove altrimenti la sabbia in caso di forti precipitazioni smotterebbe) e le piccole fessure tra un granello e l'altro danno più incisività all'attraversamento dei liquidi che arrivati sul fondo defluiranno relativamente alle pendenze lasciate a questo.
L'unico fattore negativo riguarda la durezza che è comparabile ad un fondo di cemento: ma anche questa caratteristica è praticamente irrilevante con i manti in erba sintetica professionali, per via delle radici inserite o comunque del metodo di appesantimento (zavorra) di cui necessita l'erba sintetica senza filati a radice.

 
Preparare il fondo drenante per l'erba sintetica
Come qualcuno avrà potuto intuire, il mio consiglio è creare uno stabilizzato in ghiaia.
Questa deve essere molto fine, con granulometria di circa 4-6 mm e deve essere stondata o comunque nello strato superiore non deve avere asperità taglienti che potrebbero dannrggiare il manto nel sottofondo.
Anche per questo è opportuno applicare un TNT geotessile con grammatura da 250-300 g/mq che attenuerà eventuali "punte" della ghiaia.
Il TNT è necessario anche per evitare che l'eventuale sabbia fine distribuita sulla superficie a zavorra dell'erba sintetica possa defluire da fori praticati nell'erba sintetica per il drenaggio, agendo così da filtro.

Prima di cominciare ad applicare l'erba sinetica è fortemene consigliato fissare con picchetti, preferibilmente ad "U" il TNT geotessile: o comunque fermarlo con qualsiasi espediente ad evitare che si arrotoli o sposti sotto il manto, quando l'erba verrà posizionata e trascinata per gli aggiustamenti!

Il fondo per l'erba sintetica su suoli rigidi e non drenanti

Prato sintetico su piastrelle, cemento, guaine impermeabilizzanti, auto bloccanti, ecc.

L'erba sintetica può essere applicata su fondi rigidi esistenti senza particolari preparativi!
Utilizzata come tappeto sarà sufficiente creare un unico pezzo di tutta la superficie utilizzando gli appositi accessori per l'unione dei teli e posizionarvi sopra qualche peso così che non rimanga in completa balia degli eventi atmosferici.
Per coperture complete e su fondi in guaina impermeabilizzante è consigliato l'utilizzo del TNT.


Esistono più metodi di drenaggio per suoli rigidi, per quanto anche l'applicazione diretta su questi non presenti particolari problematiche se non determinate da esigenze particolari.
 

Unire i teli dell'erba sintetica

Erba sintetica professionale o semplice stuoia che simuli un prato appena accennato, la tecnica di unione dei teli è la medesima : BANDA DI GIUNZIONE ED ADESIVO BICOMPONENTE!

 


Nel susseguirsi delle misure e forme più disparate delle aree adibite al rivestimento in erba sintetica, alla fine sempre e comunque viene posta una domanda: "come faccio a fare le giunte?"

La risposta naturalmente è sempre identica "occorrono banda di giunzione ed adesivo bicomponente!"
Da questo un susseguirsi di articolate spiegazioni atte a descrivere in dettaglio la tecnica da utilizzarsi per ottenere un prato sintetico perfetto.

 
Come si uniscono i teli nell'erba sintetica?
 
Ricimosatura o rifilatura dei bordi prima delle giunzioni

Rifilare i bordi sinistra

Dato per certo abbiate un fondo idoneo è necessario rifilare i teli da entrambi i lati mantenendovi il più possibile al centro delle due file di punti (ordito).

Questa tencnica si chiama " Ricimosatura o rifilo " ed è indispensabile per ottenere la certezza di occostare due teli con il filato in condizioni perfette!

Occorre fare attenzione ad incidere solo la base (il sottofondo nero da 2 mm) lasciando il filato con la massima ricchezza di prodotto.
La rimanenza a terra di fili occasionalmente tagliati è la spia di una non perfetta ricimosatura.
Un errore è pensare che la base sbordante l'altezza del rotolo (cimosa) sia in qualche modo utile ad unire i teli dell'erba.
*Questa è quasi sempre slabbrata e non ha più la necessaria rilassatezza per essere il supporto della giunzione.

*La cimosa è un residuo del processo lavorazione industriale e serve per il trascinamento dei teli in tessitura e finitura. Nei prati artificiali professionali non è quasi mai rifilata in quanto i teli dovranno essere sempre ricimosati su entrambi i lati preposti alla giunzione.

Rifilare i bordi sinistra
   
Accostamento dei teli a secco per verificare la correttezza del rifilo
Unire i teli a secco

Se necessario sagomare i teli per aggirare ostacoli tipo piante, colonne, muri, fontane, ecc., accertandovi che l'operazione non ostacoli la rilassatezza dei teli che devono essere sempre privi di forzature e gonfiori.

Rifilati occorrerà posizionalrli uno a fianco all'altro per verificare la correttezza della ricimosatura.
I teli non devono mai essere sormontati, ma è plausibile un'imprecisione di pochi millimetri per quanto questa distanza non dovrebbe essere superiore al 10% dello spessore della fibra.

Soddisfatti del risultato ottenuto a "secco" si potrà passare alla fase successiva: l'incollaggio definitivo delle giunte.
Muoversi sui teli in erba sintetica con cautela con "piedi di piombo".
Eventualmente posizionate dei pesi ad evitare che possa essereci qualche spostamento involontario.

Se insoddisfatti ripetere l'operazione fino ad ottenere un giunta "pulita".

Unire i teli a secco
Preparazione all'incollaggio totale

Unire i teli a secco

Aprire i due teli a "libro" piegandoli uniformemente per 30-40 cm in modo da liberare il fondo per 60-80 cm.

Unire i teli a secco Srotorare la banda di giunzione per prati sintetici al centro del punto di unione dei teli di erba artificiale.
Unire i teli a secco Ove possibile fissare sporadicamente la banda di giunzione utilizzando dei picchetti, preferibilmente ad "U".
Questo ad evitare che la banda possa spostarsi durante la spalmatura del collante, sopratutto in giunte molto lunghe.
Non potendo utilizzare picchetti, zavorrare con qualunque cosa il punto dal quale si comincerà a distendere l'adesivo, così da non trascinare via tutto alla prima spatolata!
Adesivo e spalmatura con spatola
Unire i teli a secco

Miscelare e mescolare l'adesivo bicomponente per prati sintetici.
Si consiglia miscelare il quantitativo necessario alla singola giunta che si sta incollando in quanto i tempi di lavorabilità dell'adesivo variano sensibilmente contestualmente alla temperatura ambientale, umidità ed altri fattori.

Unire i teli a secco Distribuire il quantitativo di adesivo per prato sintetico necessario ossia 700-1000 g/mq secondo il tipo di erba sintetica da unire (spatola n. 3 o n. 4).
Unire i teli a secco
Incollare l'erba sintetica definitivamente
Unire i teli a secco Adagiare lentamente i due lembi dell'erba sintetica sulla banda di giunzione adesivizzata, pettinando con le dita i fili verso l'alto in modo che non facciano contatto con l'adesivo sporcandosi.
Unire i teli a secco
Unire i teli a secco
Unire i teli a secco
Curare la giunta
Unire i teli a secco Premere l'erba sintetica così da permettere il contatto del manto con l'adesivo: ripetere la pressione più volte nell'arco delle ore successive cominciando a calpestare questo punto via via sempre meno delicatamente.
Nel frattempo si possono fare le altre giunte.
Unire i teli a secco
   
Come si fissa l'erba sintetica?

Una volta terminata la giunzione dei teli, l'erba sintetica può dirsi montata!
Abbiamo ottenuto un unico pezzo di tutta la superficie ed adesso vorremmo in qualche modo fissarla, per motivi di traffico o per evitare che il vento la sollevi.
Raramente se ne consiglia l'incollaggio totale in quanto questa tecnica oltre a potere essere attuabile solo in determinati tipi di fondo, impedisce al manto il drenaggio verticale (quello che sfrutta i fori nel sottofondo) appoggiandosi solo alle pendenze della base.
Purtroppo l'incollaggio parziale che spesso viene consigliato specialmente perimetrale è considerato professionalmente un errore, per questo sarebbe opportuno evitarlo a meno che non si sappia cosa si sta facendo.
Per cui, ove impossibile o non si desideri mettere sabbia fine sulla superficie si renderà necessario ancorare il perimetro con zavorre atte ad evitarne il sollevamento.
Avete letto bene: i manti in erba sintetica sono concepiti per essere zavorrati con sabbia fine sulla superficie. Questo non solo per gli agenti atmosferici ma anche per permettere agli utilizzatori un uso "dinamico" della superficie.
La sabbia deve essere applicata relativamente alla tipologia di erba artificiale che si ha. I prati con radice inserita sono considerati "prodotti finiti" ossia non necessitano di sabbia per il sostegno della fibra , ma questa ha un valore estetico non di ancoraggio.
Quindi per giardini e ovunque sia possibile occorrerà intasare con sabbia la superficie, questo è il metodo principe.
Per chi non possa o non voglia applicare sabbia sull'erba sintetica si renderanno necessarie altre soluzioni!

Per informazioni sul metodo di posa più adatta alle vostre esigenze contattateci!

Supporto alla posa riservato ai clienti Moplac snc: cell. 345 79 24 464

Moplac; 47 anni di attività ininterrotta.


Richiesta campionatura

Campionatura standard
Campionatura erba sintetica
La campionatura di erba sintetica prevede la scelta da parte del richiedente degli articoli desiderati.
Il plico é inviato con posta prioritaria a titolo gratuito e puó includere altri tipi di prodotti da richiedere al momento della compilazione del modulo.
Prendere visione dei prodotti é una fase essenziale per effettuare un acquisto: Moplac snc infatti non gestisce vendite on line e le immagini, per quanto riproducenti il prodotto reale, sono da considerarsi idicative.